Forgot password? | Forgot username? | Register
  • Index
  • » Users
  • » firwood
  • » Profile

Posts

Posts

Mar-16-12 14:11:19
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

DarkFaust wrote:


Aspettati un wall of text sgrammaticato dai soliti noti. O se hanno un pò di dignità, magari staranno fermi con la tastiera.

Comunque, è destino che Pathfinder in italia sia pubblicato da schifo, mi sà. Speriamo di vedere almeno gli ultimi due Core, prima che venga abbandonato del tutto, ma le speranze si assottigliano

Dato che al peggio non c'è mai fine, mi aspetto che chi frignava prima additando Wyrd come cause di tutti i mali, adesso additerà GU augurandosi un nuovo cambio, magari con 25mm (dato che ha prodotto D&D e quindi è puuuutente nelle mente di questi signori).

La realtà è che il mercato nostrano è costantemente in bilico sulla lama di un rasoio, ed è oggettivamente difficile lavorare serenamente.
D'altro canto troppo spesso ho assistito a scelte suicide da parte degli editori, e purtroppo la china presa da Pathfinder sembra andare sempre più in questa direzione. A questo aggiungi il trattamento che GU, pur con tutta la buona volontà, ha riservato ad altri manuali (Rogue Trader giusto per fare un nome) e il futuro appare davvero molto cupo.

L'unico manuale che spero di vedere in italiano è il setting, ma non si sa quando uscirà nonostante sia già tradotto.
Al solito si deve stare tranquilli seduta in riva al fiume e vedere cosa porta la corrente, sperando che non siano i soliti cadaveri.

Graziano "firwood" Girelli

Mar-15-12 19:52:39
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

Perfetto!
Sono queste le risposte che mi piacciono: dirette e precise. Adesso so con chi pendermela se non esce l'Inner sea ;-)

Sin dai tempi di Wyrd gli adventure path in italiano non rientrano nella mia lista della spesa. Spero di avere tra le mani qualcosa di "ciccioso" da leggere in vacanza ad agosto.

Alla prossima!

Graziano "firwood" Girelli

Mar-15-12 17:07:51
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

Ciao Federico e grazie della risposta.

Il problema principale riguarda la mancata (spero solo per ora) pubblicazione di manuali core, come appunto il setting, il bestiario o gli ultimate, che ha detta di tutti i clienti, tranne poche eccezioni, dovrebbero godere di una via preferenziale rispetto agli adventure path.

Mi auguro che i futuri adventure path godano di una tempistica migliore rispetto agli sfortunati manuali finora pubblicati. Proprio a causa dei tremendi errori fatti in passato, dilatando a dismisura le uscite di ogni capitolo sino a rendere una saga ingiocabile, non so se sia possibile riportare interesse su un prodotto menomato, nel quale qualunque cliente con due dita di testa penserebbe "a questo punto aspetto la pubblicazione di tutti e 6 i capitoli e li prendo in blocco".

Alla luce di questa considerazione, non era meglio dare in pasto ai "leoni affamati" un manuale inedito, desiderato e bramato? Questa soluzione avrebbe tenuto buoni i clienti, come avvenne con la pubblicazione dell'Advanced Player Guide per Wyrd.

Capisco che per un editore i manuali che vendono di più sono i core, ma puntare solo su quello nell'attesa di qualcosa di nuovo è stata una scelta non troppo oculata dal punto di vista dell'immagine (poi magari a livello economico si è rivelata vincente, ma quelle sono cose che, giustamente, sapete solo voi e interessano solo voi).

Quindi, con questa tua risposta, hai indirettamente confermato che il potere decisionale sulle pubblicazioni da stampare è di GU, per cui le conesguenti tirate d'orecchie spettano a voi ;-)

Da amante di Pathfinder mi auguro che si possa uscire dal pantano in cui questo sistema si trova da tanto tempo nel nostro paese, ma segnali in questo senso se ne vedono pochi... per ora.

Figurati che a memoria non ricordo 2 o 3 risposte ufficiali da parte di GU (tramite la tua persona) in tempi cosi brevi fin dai tempi del passaggio editoriale da Wyrd, tanto che seguire il forum era divenuta un mero passaggio di sfuggita nella speranza di vedere qualcosa di nuovo.

La comunicazione è fondamentale, e finalmente c'è un po' più di chiarezza in questo senso. Spero sia il primo di una serie di passi in avanti in questo senso.

Chiudo con un caloroso "buon lavoro", che più onestamente suona come "rimboccatevi le maniche e pubblicate questi stramaledetti manuali che ci voglio mettere le mani sopra!" ;-)

Graziano "firwood" Girelli

Mar-15-12 14:20:22
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

f.burchianti wrote:

Per inciso, il riferimento a sopra serve a spiegare il rapporto di sinergia che esiste tra Wyrd e Giochi Uniti sulla proseguimento della linea editoriale e su chi fa cosa, visto che non sembrava così chiaro. La Wyrd prosegue nel suo ottimo lavoro editoriale, che svolgeva prima indipendentemente ed ora con Giochi Uniti, che produce la linea.

Federico, giusto per sgombrare il campo da ulteriori dubbi o incmprensioni: chi decide cosa pubblicare e quando?

Almeno si saprà di preciso a chi rivolgere i più che giusti strali per il macellamento che Pathfinder sta subendo.
Ok che Wyrd continua l'attività editoriale, ok che GU lo produce e lo distribuisce... ma chi decide? Con chi noi poveri utenti ce la dobbiamo prendere per delle decisioni quantomeno discutibili (dal punto di vista del cliente ovviamente) che danneggiano solo chi ha interesse ad investire in questo prodotto?

Se riesco ad ottenere una risposta chiara e precisa a questa domanda posso ritenermi più che soddisfatto (e a qualcuno, per quel che vale, cominceranno a fischiare parecchio le orecchiette).

EDIT: solitamente è il produttore che decide dove investire le risorse, e di conseguenza il piano editoriale. A meno che GU operi diversamente la responsabilità decisionale dovrebbe ricadere su di voi, mentre a Wyrd spetta la parte tecnica e materiale della collana Pathfinder.
Sbaglio?

Mar-15-12 12:20:14
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

Dopo un lungo silenzio torno a dire la mia sulla questione Pathfinder in Italia.

Per prima cosa esprimo la mia soddisfazione nel leggere le lamentele di chi inneggiava all'estromissione di Wyrd pensando che "uno più grande farà molto meglio". I risultati, come ampiamente prevedibile, sono sotto gli occhi di tutti.

La seconda questione invece riguarda il palese disimpegno di GU dal brand, quasi si fosse in estatica attesa della 5ed.
Per adesso l'impressione, ripeto l'impressione, che si ha è di un quasi totale disinteresse per la pubblicazione di manuali che sono già belli che tradotti da tempo. Nessuna news sulla tempistica delle uscite, vaghe allusioni a pubblicazioni su base semestrale (!) e nulla di concreto, se non una ristampa di cui obiettivamente non se ne sentiva proprio la necessità.
Giochi Uniti ha dato il colpo di grazia ad un prodotto già menomato (ricordo infatti che la forza principale di Pathfinder sono gli adventure path che DEVONO avere una cadenza di uscite regolare, al massimo su base bimestrale) che ora non vede, e soprattutto non si sa se vedrà gli altri manuali core uscire.

Parliamoci chiaro: i manuali che tutti aspettano sono l'Inner sea e i due Ultimate.
Se si continua cosi (e la colpa, cari amici di Giochi Uniti è solo ed esclusivamente vostra, poichè siete voi a gestire le uscite) a chi interesserà ancora acquistare questi manuali se il gioco in sé è stato mandata a p....allino con tempi di uscita al limite del demenziale?

E ancora, la critica più grande mossa a Wyrd a suo tempo (e l'unica davvero sensata sempre a  mio avviso) riguardava l'incapacità di saper comunicare con i clienti. La situazione adesso è ulteriormente peggiorata, con commenti ufficiali che alla fin fine non dicono assolutamente nulla.
Non ne faccio una colpa al Burchianti (che ci mette la faccia), ma ci si dovrebbe sforzare di migliorare il rapporto con la clientela con annunci più precisi e risposte più frequenti e meno evasive.

Infine chiudo con la triste nota relativa ai "live" di Patfhinder previsti per le varie fiere: ma come si fa a proporre dei pastrocchi misti Pathfinder/D&D 3.x/D&D 4ed come si legge nei volantini di alcune manifestazioni?
Pathfinder è bello perchè è Patfhinder. Se un'associazione non ha la capacità o la forza di proporre eventi legati a Pathfinder "puro" è molto meglio lasciar perdere.
Ben vengano le associazioni a cui sono affidate le gestioni dei vari eventi, ma si deve avere il coraggio di puntare su un prodotto, non metterlo timidamente in mostra dicendo che "tanto mal che vada lo si gioca come un'altro".
Pathfinder ha un suo stile che non ha nulla a che spartire con D&D a livello di filosofia di gioco, specie con la 4ed.
Se si decide di fare "un torneo per Pathfinder" si deve fare un torneo di Pathfinder, non uno strano ibrido nel quale si può "anche giocare con Pathfinder".
Ovviamente, come ho detto prima, si deve puntare sul prodotto in modo deciso.

Finisco questa mia tirata esprimendo la grandissima delusione per il trattamento riservato ad un gioco che altrove ha rilevato il testimone da D&D (e parlo a livello di vendite), mentre in Italia, paese da sempre terzomondista in questo settore, si è scelto di non avere NIENTE da proporre in un momento particolare dove il re è caduto e si può tranquillamente puntare su altri cavalli di razza senza rischiare troppo.
Invece la situazione è tristemente sotto gli occhi di tutti: uscite ridotte al lumicino (sempre che ce ne siano), supporto nullo, piani per il futuro a dir poco nebulosi.

Chiudo con una domanda rivolta a GU: nei vostri progetti Pathfinder che peso ha? Per adesso è nullo, o per lo meno tutto quello fatto sinora dimostra questo. Mi auguro di sbagliarmi, ma temo proprio che si vada vedo una prematura dismissione del marchio.

Jan-07-12 17:57:29
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

selven wrote:


firwood stai dicendo le stesse cose che ho detto e ripetuto io, alla fine della fiera 4 manuali core e uno di ambientazione in un anno vorrei sperare che siano assorbibili, sono d'accordo che gli ap sono sputtanati ma l'editore ha bisogno di fidelizzare una clientela già esasperata dal suo predecessore quindi è auspicabile che concluda nel modo più indolore possibile l'ap in corso per poi sostituirlo con qualche modulo (o con la megaristampa di rise of the runelords, ma la vedo dura visto il costo già alto della versione amricana)

Alt: questi sono i miei desideri, che sono ben diversi dall'argomento trattato nel post di risposta al tuo.
Finchè stiamo sui manuali che ognuno vorrebbe vedere, nessuno ha ragione o torto, e tutto va bene. Quello di cui si parlava prima è tutto un altro paio di maniche.

Io, come ho detto nell'altro post, ho espresso un pensiero puramente egoistico. Gli ap in italiano, fatta eccezione per l'eventuale Rise of the Runelord, non li comprerò mai perchè li ho già in inglese (ho la sottoscrizione Paizo), quindi non sono certo il cliente tipico di GU.

La prima cosa, necessaria e direi quasi obbligatoria, è la pubblicazione del piano uscite e una buona comunicazione con gli utenti. Quest'ultima è stata il tallone d'Achille di Wyrd, e anche GU non è partita benissimo da questo punto di vista.

Per il resto, non interessandomi altri prodotti della GU, non conosco bene l'editore e non so come agisca o come sia uso muoversi sul mercato (e nemmeno mi interessa ad onor del vero).
Io aspetto l'Inner Sea, e poi si vedrà ;-)

Graziano "firwood" Girelli    http://www.webalice.it/graziano.girelli/[/size][/color]

Jan-07-12 17:41:17
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

selven wrote:

mi fa piacere che ti stia divertendo così come mi fa piacere che per supportare i tuoi argomenti sottolinei la mia incompetenza quando io per primo ho sempre parlato di ipotesi e di idee e detto che la parola finale spetta all'editore, di certo non pretendo di avere la scienza infusa nè tantomeno di conoscere le ripercussioni dell'attuale crisi economica, cosa che evidentemente tu conosci e hai.
ricordo che il tutto è partito da quella che secondo me sarebbe potuta essere una buona scaletta delle uscite e finora mi sono limitato a supportare le mie argomentazioni, ma visti certi atteggiamenti di supponenza rinuncio a postare anche il benchè minimo suggerimento, ringrazio dark per la sua buona fede nello spiegarmi le cose, e rinuncio a sostenere oltre le mie ipotesi da "guru".

Selven, qui si sta riproponendo una discussione che sembra presa pari pari dal forum sul clone con i consigli editoriali dati, a suo tempo, alla Wyrd.

Per quanto ci sia della buona volontà, sarebbe bene informarsi prima di uscirsene con delle idee che sono, purtroppo, costronerie improponibili.
Ripeto, è apprezzabile la buona volontà, ma prima di lanciarsi in queste proposte azzardate fare un giro su internet per conoscere un minimo l'argomento non fa di certo male.
Come se io, giusto per fare un esempio, non sapendo niente di aereodinamica volessi dare consigli ai progettisti di una F1 senza informarmi un minimo: se mi va bene mi ignorano, se va così così mi deridono, nella peggiore delle ipotesi mi becco dell'ignorante.
Con internet l'ignoranza di un argomentonon è più una scusante valida, specie su di un forum frequentato da appassionati del settore.

Purtroppo quanto hai proposto è concettualmente sbagliato, e di conseguenza ecnomicamente improponibile.

La cosa migliore che GU può fare è stabilire un piano di uscire preciso e rispettarlo. Per me l'ordine ideale sarebbe: inner sea guide, ultimate magic, ultimate combat, bestiary 2. C'è solo un grosso problema: si tratta di manuali "grossi" e costosi e se li pubblichi uno di fila all'altro c'è il grosso rischio che restano invenduti.

Vogliamo dire che tra uno e l'altro di questi grossi calibri ci si può piazzare un modulo di un AP? ok, diciamolo. Purtroppo gli adventure path, che in america sono una delle caratteristiche fondamentali di Pathfinder in Italia sono stati irrimediabilmente rovinati. Questo prodotto necessita di una tempistica nelle uscite assolutamente precisa e costante.
Quindi, o si fanno uscire mensilmente (utopia) o ogni due mesi (sogno) altrimenti molto meglio, dal punto di vista editoriale, lasciarli morire e aspettare la pubblicazione di Rise of the Runelord in volume unico.

Ormai la forbice tra le uscite americane e quelle italiane non è colmabile, e qualcosa si deve lasciare per strada. Da sempre i manuali che vendono di più sono i core e i bestiari, quindi si calcherà la mano su questi presumo.

Spero che non venga abbondanata la strada dei pdf. Aspetto di vedere l'annuncio della Guida del Game Master disponibile in pdf, anche se temo di restare deluso. Il pdf resta la strada ideale per gli AP, che in questo formato possono anche essere venduti a prezzo più basso di quello cartaceo. Ma qui subentra il problema della pirateria, e siamo daccapo.

Dato che ho comprato tutti i manuali usciti in inglese di pathfinder, ap compresi, quelli in italiano sono un "di più" per cui ho speso volentieri i miei soldini. Egoisticamente parlando, quando uscirà la Inner Sea sarò più che contento e potrei anche smettere di comprare manuali in lingua nostrana. Mi metto però nei panni di chi vorrebbe veder finiti gli adventure path iniziati... e non sono certo rose e fiori.

Stiamo a vedere quando GU comincerà a proporre il proprio catalogo. Ad ora, se non sbaglio, l'unica cosa sicura è la pubblicazione del manuale base corretto e aggiornato. Per il resto non si sa nulla.

Graziano "firwood" Girelli    http://www.webalice.it/graziano.girelli/[/size][/color]

Jan-07-12 17:11:52
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

E' sempre divertente leggere le ricette anticrisi di questi guru per aumentare le tirature, incrementare i ricavi e far felici i clienti.
Peccato che sono tutte bufale scritte senza avere la benchè minima conoscenza di come funzioni davvero il mercato dei gdr in particolare, ma da qualche post a questa parte anche sulla situazione economica in generale.

Se non hai palanche nel borsellino la prima cosa a cui rinunci è il superfluo. E il gdr, per quanto amato, rientra in questa categoria.

Tra l'altro, non esiste nessun motivo per cui un giocatore economicamente in difficoltà debba investire ulteriormente in manuali: ha il core, l'apg e il bestiario? che spende a fare altri soldi per avere "solo" qualche opzione in più? Se li tiene ben stretti e li destina ad altre necessità.

La teoria che si debba vendere a costi più economici in un momento in cui tutte le materie prime sono aumentate e il cambio verso il dollaro è peggiorato poi è comica. Ci sarebbe da ridere se non fosse invece così drammatica.

E' pura utopia pensare che gli adventure path vengano proposti al costo americano (1:1), cosi come ridurre le spese sui manuali più costosi aumenterebbe la tiratura.
Se hai 1000 persone disposte a spendere 50 euro per un manuale, se anche abbassi il prezzo ne avrai 1010 forse, non certo 2000. Perchè chi è predisposto all'acquisto è la stessa persona che comunque il manuale lo vuole già comprare.

Il primo obiettivo di un editore è di rientrare dalle spese di pubblicazione, e lo fai sulla base di una certa tiratura proposta ad un certo prezzo.

Del resto ci sono giocatori che frignano se devono tirare fuori 5 euro per un manuale in pdf. Se anche piazzi il core di Pathfinder alla metà del prezzo di copertina, avrai sempre chi si lamenta perchè costa troppo, perchè non è così ma cosà, ecc.

Quando si parla di trpg (tabletop rpg) si deve guardare il mercato per quello che è: un mercato di nicchia destinato a pochi, molto pochi. E gira e rigira, sono sempre quei pochi che cacciano i soldi per i manuali. Stiamo parlando di numeri risibili, con i quali gli editori devono fare bene i loro conti oppure chiudere baracca e burattini.

L'unica cosa esatta che è stata scritta è che il costo/copia diminuisce all'aumentare della tiratura. Ma chi è quel fesso che stampa 2000 manuali per ridurre il costo singolo sapendo che tanto ne vende, se va bene, 1000?

Infine, vogliamo anche citare quei furbacchioni che scannerizzano e mettono in rete i manuali togliendo ulteriori risorse a chi il manuale lo produce e lo vende? Saranno anche pochi a comportarsi così, ma contribuiscono a fare la loro parte di danno nei confronti dell'editore e soprattutto nei confronti degli altri giocatori che non vedono benefici di sorta dalla pirateria, perchè ogni manuale piratato (o quasi) è un manuale in meno venduto.

EDIT: avevo dimenticato: come fai a far pagare i manuali allo stesso prezzo americano se hai i costi della licenza e della traduzione da aggiungere?

Dec-13-11 12:15:05
I manuali che si vorrebbero vedere alla luce
Category: Giochi di Ruolo
Forum: Pathfinder

Uberix wrote:

Qualcuno di santa pazienza mi scriverebbe quali sono i manuali vecchi e quali i nuovi? I vecchi si rifanno alla 3 mentre i nuovi alla 3.5? Se si quali sono quelli tradotti appartenenti alla vecchia edizione ti PF e quali quelli appartenenti alla nuova? Qualche responsabile di Giochi Uniti potrebbe dirci quali saranno effettivamente le nuove uscite per PF? Grazie mille!

Detto in poche parole: prodotti Paizo per Pathfinder relativi alla 3ed di D&D non ce ne sono. Il materiale pubblicato prima del CORE RULE di Pathfinder è tutto ogl (quindi compatibile 3.5), il materiale uscito successivamente è proprio per Pathfinder.
Dal punto di vista editoriale è una sciocchezza far uscire prodotti ogl: o li si adatta al nuovo sistema (con ulteriore rallentamento dei tempi di pubblicazione ed esborso monetario) oppure non si pubblicano nemmeno. Inutile dire che la seconda via è quella più logica.

L'ideale sarebbe affiancare l'uscita dei manuali più "grossi" agli adventure path, ma non ho idea di quanto questo possa incidere sul piano economico per l'editore nostrano.

La mia priorità va senza dubbio all'inner sea world guide, in modo da chiudere la "pentalogia dei manuali indispensabili" (core, guida del giocatore, guida del master, bestiario, ambientazione), dopodichè via libera al bestiario 2.

Graziano "firwood" Girelli    http://www.webalice.it/graziano.girelli/[/size]

Dec-13-11 12:06:06
primo post
Category: Generale
Forum: Nuovi Utenti

Dove va Pathfinder... io seguo.
E' un piacere fare la conoscenza di vecchi e nuovi giocatori!

Graziano "firwood" Girelli    http://www.webalice.it/graziano.girelli/[/size]

  • Index
  • » Users
  • » firwood
  • » Profile

Board Info

Board Stats
 
Total Topics:
1670
Total Polls:
20
Total Posts:
6344
User Info
 
Total Users:
15151
Newest User:
developer5
Members Online:
1
Guests Online:
52

Online: 
joek0114